Strumenti personali

Segnalazione Certificata inizio Attivita - SCIA

Quando deve essere presentata

Per la realizzazione di interventi elencati nell'art. 22, comma 1, 2 e 2 bis del D.P.R. 380/2001:

1. interventi di manutenzione straordinaria (pesante) di cui all'articolo 3, comma 1, lettera b) del d.P.R. n. 380/2001, che riguardino le parti strutturali dell’edificio.
2. interventi di restauro e risanamento conservativo (pesante) di cui all'articolo 3, comma 1, lettera c) del d.P.R. n. 380/2001, qualora riguardino parti strutturali dell’edificio.
3. interventi di ristrutturazione edilizia (leggera) di cui all'articolo 3, comma 1, lettera d) del d.P.R. n. 380/2001, rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediate un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente, ad esclusione dei casi di cui all’art. 10 comma 1 lettera c) del D.P.R. 380/2001.
4. varianti in corso d’opera a permessi di costruire, di cui all'articolo 22, commi 2 e 2-bis del d.P.R. n. 380/2001, che non incidono sui parametri urbanistici e sulle volumetrie, e che non comportano mutamento urbanisticamente rilevante della destinazione d’uso, che non modificano la categoria edilizia e non alterano la sagoma dell’edificio qualora sottoposto a vincolo ai sensi del d.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 e non violano le eventuali prescrizioni contenute nel permesso di costruire o che non presentano i caratteri delle variazioni essenziali.
5 Sanatoria dell’intervento realizzato, conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della realizzazione dello stesso, sia al momento della presentazione della segnalazione, ai sensi dell'articolo 37, comma 4, del d.P.R. n. 380/2001 e art. 22 l.r. n. 15/2008.
6 Opere a completamento di interventi oggetto di titoli abilitativi scaduti e realizzabili ai sensi dell’art.22 d.P.R. n. 380/2001 (art. 15, comma 3, d.P.R. n. 380/2001).
7 Opere removibili, dirette a soddisfare esigenze contingenti, temporanee e stagionali per lo svolgimento di attività, di manifestazioni culturali e sportive, destinate ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e comunque, entro un termine non superiore ad otto mesi compresi i tempi di allestimento e smontaggio delle strutture. Articolo 3, commi 26 e 27, l.r. n.17/20168.
8 Manufatti realizzati con sistemi di prefabbricazione leggera, quali tukul, gusci, capanni, bungalow, monolocali, bilocali, trilocali, non permanentemente infissi al suolo, di cui all’art. 23, comma 4, lett. b), l.r. n. 13/2007, con carattere temporaneo, destinati ed essere smontati al termine della stagione turistica e in ogni caso entro dodici mesi (art. 25 bis, comma 2, l.r. n.13/2007).
9 Pannelli solari termici di sviluppo superiore a 30 metri quadrati, destinati esclusivamente alla produzione di acqua calda e di aria negli edifici pubblici e privati e negli spazi liberi annessi, sempre che non comportino modifiche dei volumi e le superfici delle singole unità immobiliari (art.19, comma 4, lett b), l.r. n. 26/2007)10.

Dove si presenta

La S.C.I.A. deve essere depositata in unica copia, all'Ufficio Protocollo.

Pagamenti da effettuare

Sono dovuti diritti di segreteria pari a Euro 103,00 ([in caso di SCIA ex art.37 D.P.R. 380/2001 pari ad Euro 207,00) da pagare con le modalità previste nella sezione : Modalità di pagamento.

La ricevuta del versamento deve essere allegata alla pratica da depositare.

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività non deve essere presentata in bollo.